Franco Loi, La gàbia del leun

La gàbia del leun l’era de aria,
de aria la mia mama, quèl cappell,
el brasc del mè papà l’era de aria
sü la mia spalla, i mè man che streng,
e aria el rìd di öcc e duls de aria
de quèla vita ch’ù insugnȃ, l’azerb.
Eren de aria lur, e mì, chissà,
che sun stȃ, fermu a vardàj andà.

*

La gabbia del leone era di aria,
di aria la mia mamma, quel cappello,
il braccio di mio padre era di aria
sulla mia spalla, le mie mani che stringono,
e aria il ridere degli occhi e dolce d’aria
di quella vita di cui ho sognato l’acerbo.
Erano d’aria loro, e io, chissà,
che sono stato fermo a guardarli andare.

(Da L’aria, Einaudi 1981)

Claudio Pagelli, Nemmeno da qui

Nemmeno da qui
si vede bene il futuro
solo il passato, meno oscuro.
Tolti i chiodi dei rimorsi
ritorna d’aria il cuore, senza paura
nel vento dei cipressi…
*
Nanca da chì
se ved ben el doman
domà el passaa, men scur.
Des’ciodaa i ciòd dei rimòrs
torna d’aria el coeur, senza paura
in del vent dei cipress…

(Da Campo 87, traduzione in dialetto milanese di Giovanna Sommariva, puntoacapo 2021)

Alex Ragazzini, Cus ël che acsè u s’adâna

Cus ël che acsè u s’adâna
Cumpâgna e’ mêl infena?
La doia ch’u s’pê luntâna
I spen ch’i s’toca apena.

Che cosa è che così ci danna
Uguale al male infine?
La fitta che ci pare lontana
Il lieve toccarci delle spine.

 

(Da La siṣma e al speṅ, Il Vicolo Editore 2019)

Pier Paolo Pasolini, Vuei a è Domènia, doman a si mòur

Vuei a è Domènia, doman a si mòur

Vuei a è Domènia,
doman a si mòur,
vuei mis vistís
di seda e di amòur.

Vuei a è Domènia,
pai pras cun frescs piès
a sàltin frutíns
lizèirs tai scarpès.

Ciantànt al me spieli
ciantànt mi petèni.
Al rit tal me vuli
il Diàul peciadòur.

Sunàit, mes ciampanis,
paràilu indavòur!
Sunàn, ma se i vuàrditu
ciantànt tai to pras?”

I vuardi il soreli
di muartis estàs,
i vuardi la ploja
li fuèjs, i gris.

I vuardi il me cuàrp
di quan’ch’i eri frut,
li tristis Domèniis,
il vivi pierdút.

“Vuei ti vistíssin
la seda e l’amòur,
vuei a è Domènia
domàn a si mòur”.

*

Oggi è Domenica, domani si muore

Oggi è Domenica,
domani si muore,
oggi mi vesto
di seta e d’amore.

Oggi è Domenica,
pei prati con freschi piedi
saltano i fanciulli
leggeri negli scarpetti.

Cantando al mio specchio,
cantando mi pettino.
Ride nel mio occhio
il Diavolo peccatore.

Suonate, mie campane,
cacciatelo indietro!
“Suoniamo, ma tu cosa guardi
cantando nei tuoi prati?”

Guardo il sole
di morte estati,
guardo la pioggia,
le foglie, i grilli.

Guardo il mio corpo
di quando ero fanciullo,
le tristi Domeniche,
il vivere perduto.

“Oggi ti vestono
la seta e l’amore,
oggi è Domenica,
domani si muore”.

(Da Poesie a Casarsa, Libreria Antiquaria 1942)

Silvio Ornella, Mobi

Par Renata

No farín pí la lessiòn
su la ciassa a li balenis
su li fòssignis ch’a svualin
in miès li ondis
sot un sèil di plomp.
E sbrissin
ta chel coràn blanc
di ísula ch’a si svea
al fòuc dai pes-ciadòurs
e strassina
e s-ciampa
coma la vita.
Ma, recuarda:
a si plans
doma cuàn ch’a no si è pí
o si nas.

Non faremo più la lezione/ sulla caccia alle balene/ sulle fiocine che
volano/ in mezzo alle onde/ sotto un cielo di piombo./ E scivolano/
sopra quel cuoio bianco/ di isola che si desta/ al fuoco dei pescatori/
e trascina/ e scappa/ come la vita./ Ma, ricorda:/ si piange/ solo
quando non si è più/ o si nasce

 

(Da Fadìa / Fatica, Samuele Editore 2019)

Nadia Mogini, Ce dà mòsco stó freddo

Ce dà mòsco stó freddo
l vento ce curre dietro
ce lasca le garógnole
le pescólle èn de vetro.

Spúnton bífere rósce
da le scuffie de lana
e i tu labbri mbrusciàti
scartavétra buriana.

Ciartrovàmo ntól buio
sotto n arco che fischia
i capòtti gelati
ntanto ntórno nevíschia.

Nó, stretti, biricchiàti
de bagi ce struffàmo
e, mbucàte nti guanti,
ce se scàldon le mano.

Cià magnàto la fiàra
quila sera lontana
de bufa che ballava
l valzzer c(o)la tramontana.

_________________________

Questo freddo ci morde
il vento ci corre dietro
ci sferza le caviglie
le pozzanghere sono di vetro
Spuntano nasi rossi
dai berretti di lana
le tue labbra screpolate
smeriglia la buriana.
Ci ritroviamo al buio
sotto un arco che fischia
i cappotti gelati
mentre intorno nevischia.
Noi, stretti, attorcigliati
di baci ci strusciamo
e, infilate nei guanti
le mani ci scaldiamo.
Mangiati dalla fiamma
quella sera lontana
di neve che ballava
il valzer con la tramontana.

 

(Da Issne (Andarsene), Edizioni Cofine 2016)

Fabio Franzin, ‘Tacàr, invidhàr

‘Tacàr, invidhàr

Incùo el mé fiòl pì pìcoeo
l’é ‘rivà daa só camaréta
co’ un pòche de machinete
rote in man, rodhèe e tòchi

de plastica che ghe caschéa
fra ‘e piastrèe del pavimento
– ‘a só voséta prima de lù, là,
drio ‘l coridòio – “papà, se
non riesci a trovare lavoro

in una fabbrica potresti fare
il meccanico che aggiusta le
macchine intanto incomincia
a giustare le ruote di queste

mie che sono rotte”. E ‘lora
méterme là co’ un cazhavidhe
cèo e ‘a pazhienza che no’ò
mai bbu, a provàr, ‘na rodhéa

cavàdha de qua e una ‘tacàdha
de ‘à, a tornàr a far córer chee
machinete. Chissà se ‘l destìn
varà ‘a stessa pazhienza, co’

mì, se ghe sarà un calcùn bon
de tornàrme invidhàr i sèsti,
tee man, parché ‘e pòsse tornàr
a córer anca lore… pa’l pan.
.
Fissare, avvitare

Oggi il mio figlio più piccolo / è arrivato dalla sua cameretta / con un mucchietto di macchinine / rotte fra le mani, ruote e pezzi // di plastica che gli cadevano / sulle piastrelle del pavimento / – la sua vocina prima di lui, lì, / lungo il corridoio – ” papà, se / non riesci a trovare lavoro // in una fabbrica potresti fare / il meccanico che aggiusta le / macchine intanto incomincia / ad aggiustare le ruote di queste // mie che sono rotte”. E allora / mettermi lì con un cacciavite / da orologiaio e la pazienza che non ho / mai avuto, a cercare, una ruota // tolta di qua e una fissata / di là, a tornare a far correre quelle / macchinine. Chissà se il destino / avrà la stessa pazienza, con // me, se ci sarà qualcuno capace / di riavvitarmi i gesti, / nelle mani, affinché possano ritornare / a correre, anch’esse… per il pane.

 

(Da Fabrica e altre poesie, Ladolfi Editore 2013)

Ivan Crico, Làsaro

Làsaro

Covért de sangue e pòlvar
ma vìu, Làsaro garzonet che te surtisse
de la bonbardada sepultura
de Alèpo. Ancòi
che la pàissa la par senpre
più luntana, ancòi che in don
’n’antro putel al à menà cun sì
la morte de là del cunfìn.
L’ora del giòldar ta l’ora più suturna
la se muda, ’ntant che l’ sigo de le sirene
de le anbulanse l’inpina al vènt.

Lazzaro

Coperto di sangue e polvere / ma vivo, lazzaro bambino
che esci / dal sepolcro bombardato di aleppo. // ora che la tregua
appare sempre / più lontana, ora che in dono / un altro bambino ha
portato / la morte al di là del confine. // l’ora della gioia nell’ora /
più buia si trasforma, mentre / il suono delle sirene / delle autoambulanze
riempie l’aria

 

(Da Seràie, Cofine Edizioni 2018)