Alì Calderón, I miei giorni

I miei giorni sono un lento specchio intatto che aggroviglia
impassibile
nelle sue fragili fibra la tua immagine

(Da La nuova poesia dell’America latina, traduzione di Loretto Rafanelli, Algra Editore 2015)

Julían Axat, Sogno

Sogno:
stiamo in qualche luogo
tu papà e io
mi racconti che ieri ti accusarono
mi dici che di sicuro ti stanno per venire a cercare
ti prego: la fuga
andiamo lontano
ti dico: molto lontano
ma mi rispondi che…il sangue dei compagni non si negozia
e non c’è alternativa

(Da La nuova poesia dell’America latina, traduzione di Loretto Rafanelli, Algra Editore 2015)

Gustavo Adolfo Chaves, Tuttavia qui è il Sud

Tuttavia, qui è il Sud. Le vie
iniettate di indigenti,
l’architettura contorta
di una stazione di treno dismessa,
i passi fassi dei bambini poveri
e certa sporcizia ferma nelle unghie.Qui è il Sud e non perché sia miserabile;
non è il Sud perché i cani abbaiano
per paura, più che per abitudine.
Qualche punto in una mappa può essere il Sud
sempre e quando tiene frecce che segnalano
verso fuori.

(Da La nuova poesia dell’America latina, traduzione di Loretto Rafanelli, Algra Editore 2015)