Guglielmo Aprile, Countdown

1
Proroghiamo un debito con il sonno,
facciamo provviste per l’inverno,
ma nemmeno sappiamo se la cambiale
ci sia stata fatta slittare
di ventiquattro ore,
facciamo scorta di ossigeno
all’avvicinarsi dell’onda grossa, tutti gli sforzi
al massimo rinviano
di quaranta secondi
l’annegamento inevitabile.

2
La pellicola delle sigarette
si attacca ai polpastrelli
al momento di gettarla nella plastica,
l’energia elettrostatica
allaccia vincoli
tra le dita e una realtà transitoria;
tra poco il semaforo farà verde,
prolunghiamo i convenevoli
per respingere il freddo delle albe,
facciamo durare i preliminari
per non arrivare subito al dunque.

3
Evapora il soffione, non appena
ne accarezziamo il gambo
con la guancia: anche a noi toccherà a breve,
ma senza la sua grazia,
senza la scia profumata che lascia.

 

(Da Elleboro, Terra d’Ulivi Edizioni 2019)