Sergio Pasquandrea, Alla fine del viaggio

Come sempre ciò che resta
è l’incastro dei frammenti
la pelle affiorata la sillaba elisa
è solo così che vivono i gesti quando
la parabola è interrotta
finché emergi dall’eclisse più
vicina che mai
espiata nella conta dei silenzi
non più tacendo all’improvviso pronta
a riempire lo spazio
ricomporre i passi.

 

(Da Approssimazioni e convergenze, Pietre Vive Edizioni 2017)