Mariapia Crisafulli, Le sei e ventiquattro

Seduti
sfocati
consumati
assorti
insorti – come fermate –

vanno

Andiamo tutti

Biglietti obliterati
invadono sedili
vuoti
nell’attesa di nessuno
accanto

Ciascuno tiene il posto alla propria
solitudine

Ciascuno esercita la propria
solitudine

come un diritto

 

(Inedito)

Mariapia Crisafulli, Generazioni contrarie

Abbiamo la stessa età ma non gli stessi anni

Viviamo
in stagioni diverse
che scavano rughe
a scaglioni

Ricordi l’estate? Io no.

Hai sempre avuto un viso
più disteso del mio

 

(Inedito)