Federico Pinzetta, il cadere lieve delle sere

Il cadere lieve delle sere
come uno sforzo da tessuto
meristematico in piena
estate
con il secco tra i piedi;
in sostanza poteva essere
il tempo in cui lo stridere
sottilissimo dei rubinetti
sembrava spogliare
i gatti dal pelo,
quando ancora la preghiera
era per gli insetti delle rive.
Era tutto un risveglio
di piogge e risaie.

(Da Il travestire dei geli, RPLibri 2020)

Pubblicato da

Critica Impura

Letteratura, filosofia, arte e critica globale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...