Guglielmo Aprile, Le strade percorrono in tondo

Le strade percorrono in tondo
una capocchia di spillo,
invidio i cuori puri,
così bravi a non porsi domande
su dove le correnti conducano i banchi di plancton,
su dove vengano smaltiti
i contenitori di pile usate,
sui tempi di inoltro della corrispondenza
e sull’esattezza dei recapiti,
su chi dall’altro capo del telefono
annoti l’autolettura del gas;
e ogni strada è una spina conficcata nel cielo,
gli aquiloni non passeranno indenni
le inferriate più alte.

(Da La strage degli aquiloni, Robin Edizioni 2019)

Pubblicato da

Critica Impura

Letteratura, filosofia, arte e critica globale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...