Donatella Nardin, Tutta luce

Considera di questo luogo isolato
la macchia viva del cielo:
un talento mite ma autorevole
inonda i campi e le case
di cose buone, lucenti.

Nel liquido riflesso raggiunge
il suo limite il fiore – si modella
la grazia sulle imperfezioni -.
Considera l’esemplarità della storia:
qui, accanto all’amore,
anche prima di essere pensato
è tutta luce il respiro desiderante
della mia terra

creatura.

(Da Terre d’acqua, Fara Editore 2017)

Pubblicato da

Critica Impura

Letteratura, filosofia, arte e critica globale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...