Gianluca Garrapa, estratto da Persone e oggetti, in questo momento cose

in questo momento ci sono. tre persone con cui condivido. gradi diversi di parentela.. una persona che dorme. una persona pare leggere il fuoco. una persona lavora all’uncinetto.. una persona dorme e è anziana. una persona pare leggere il fuoco e è anziano. una persona lavora all’uncinetto e è giovane.. le tre persone ignorano. che sto scrivendo di loro. ignoro pur io. che scrivo di noi.. in televisione c’è una donna più giovane. più giovane della persona che dorme. e della persona che pare leggere il fuoco. più anziana della persona che lavora all’uncinetto. tutte le persone che cosano in televisione. sono anziane e giovani allo stesso modo. anche loro ignorano che sto scrivendo di noi.. in questo momento ci sono. oggetti con cui. le persone condividono gradi. di prossimità differente. sedia poltrona tavolo muro. fuoco camino tovaglia giacchetto. ago cotone disegno ciabatta.. anello cuscino maglione. legna orologio fiammifero. tessuto occhiali telefono.. gli oggetti osservano ignari. che sto scrivendo di noi. ignoro pur io. di essere oggetto della psicometria. delle cose che erano oggetti.. immagine pixel bicchiere. mobile fiore vaso cassetto. acqua pastiglia mollica zapping. telecomando programma canale. allo stesso modo tutti gli oggetti che cosano. in televisione sono immagini di secondo grado. eppure allo stesso modo degli oggetti fuori dal campo catodico. anche io sono oggetto e sto cosando di loro. ma non sono cosa per loro.. in questo momento ci sono persone. molte cose con cinque persone. condivido gradi di attenzione. una persona è in un libro di filosofia. una persona è in un libro di poesia. una persona è in un libro di racconti. una persona è in un libro di romanzo. una persona è in un libro di psicoanalisi. le persone son tutte morte. ignorano che sto scrivendo di noi. ignoro anche io che sto scrivendo di noi. ma a differenza di noi non sono ancora vivo davvero.. una stessa persona è sdoppiata. in fotografie diseguali che son cronologie progressive. la stessa persona parecchi anni dopo. scriverà di persone che sono in questo momento. anche le persone nelle foto son morte. ignorano di essere morte. ignorano che sono il futuro. allo stesso modo ignoro di essere morto.. in questo momento ci sono oggetti. molti oggetti con cinque persone. per cui condivido gradi diversi d’attenzione. nietzsche adelphi giallo comodino. eliot prufrock bompiani scrivania. l’oggetto che scrive nell’oggetto di poesia scrivania. parise adelphi sillabari comodino. mondadori proust ricerca swann comodino. lacan einaudi seminario comico soggetto scrivania. lampada computer termosifone radio. ignorate che stiamo scrivendo di noi. penna foglio acqua cellulare.. grembiule ritratto fotografia. passaggio dipinto armadio piumone. tenda poltrona disco quaderno. oggetti in foto sospesi da ogni sorte. ignorano l’essere congelati. ignorano che saranno cose. cause di oggetto. rose disperse nel linguaggio. questo.. in questo momento ci sono sedici persone. distribuite in nove fotoritratti. condivido gradi di parentela e di conoscenza formale. alcune ormai sono vive e altre sono ancora morte. ignorano che scrivo di noi. una persona è vestita di bianco e regge un giglio. una persona sorride. due persone posano allegre dietro a un tavolo con una torta al centro. due persone si abbracciano. due persone si abbracciano ma per un altro motivo. una persona è vestita di bianco e regge un giglio ma al suo fianco c’è un’altra persona e dietro di lei due altre persone. una persona posa con un neo finto disegnato per questioni estetiche e sociali.. ignorano che sto scrivendo di noi. ignoro il motivo per cui non si specifica l’età. il sesso. la circostanza. i rapporti sociali. i rapporti tra figura e sfondo. i crescenti disagi che riguardano i rispettivi gradi di putrefazione delle persone vive. e i gradi di trasformazione entropica delle persone morte. ignoro il motivo per cui le mie dita abbiano scelto proprio questa combinazione di tasti. ma non vi nascondo che sono stufo di. in questo momento ci sono oggetti molteplici. distribuiti tra nove fotoritratti. condivido diversi gradi di prossimità e consistenza. alcuni sono vicinissimi ma lontani dall’entropia. altri sospesi nel gelo perenne di una fotografia. ignorano che si scriva di noi. giglio corona palma vestito. dente orecchino sfondo mascara. tavolo torta candela finestra. abito specchio vestito collana. cravatta tulle cappello soprabito. siepe borsetta fiore camicia. neo giacca trucco sfondo parigi.

(Inedito)

 

Pubblicato da

Critica Impura

Letteratura, filosofia, arte e critica globale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...