Tomas Bassini, E non rimane che aspettare la caduta di casa

E non rimane che aspettare la caduta di casa,
il botto grande come da festone ma più brutto.
Non rimane che provarci a stare pronti un poco la sera,
ad avere tante dita da incrociare (che poi si fanno bastoncini
e giochiamo a un lungo gioco giapponese).
Non mi resta che vederti già vestita, pettinata,
scendere in cucina e risalirne carica
come d’abbuffata, di corni rossi.
Non ti restano che i piccoli breviari,
le mani sulla bocca per i finali con sorpresa.
E così che ci spieghiamo la maniera di raggiungere un primato
(che nel mezzo ci può stare almeno un colpo di fortuna).
Così che andiamo avanti di questi salti poveretti
alla guida d’un cane, di questi salti fedelissimi.

 

(Da E’ stato l’amore la grossa fregatura,Edizioni Galassia Arte 2014)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...